Tra le carte di mio padre

Pina Lupoi

Acquista

“…Io appartengo ad una generazione che ha vissuto il periodo fascista ma anche vissuto il meraviglioso periodo del dopo guerra: un’Italia allora piegata, distrutta, umiliata, impoverita. Ma tutti ne eravamo convinti, e chi faceva politica la faceva veramente nell’intento di esserLe utile, di vederLa risorgere.
E il miracolo avvenne, e in tempi relativamente brevi! Oggi per la Calabria è necessaria uguale consapevolezza e l’impegno di tutti ad un unico intento: la crescita e lo sviluppo della regione e non ultimo il ripristino della sua immagine, che minoranze irresponsabili hanno deformato, ma che anche noi non abbiamo saputo difendere e non stiamo difendendo, se è vero che l’immagine della regione è deturpata non solo dai fatti di sangue, dai sequestri, dalle illegalità di vario genere e gravità; per cui noi oggi qui riuniti, poco o nulla possiamo fare, sulle tantissime altre cose che alla fine costituiscono le principali quotidiane insoddisfazioni del cittadino e del forestiero…
E queste tantissime cose, cari Sindaci della Calabria, cari Consiglieri, cari Amministratori tutti della Calabria, queste tantissime cose coinvolgono proprio l’attività di tutti i politici calabresi, ai vari livelli, quelli che oggi si è creduto utile riunire qui. Ricordo un concetto che ho letto di recente e che cito anche nella sua forma spregiudicata:
“Nulla o poco potrà cambiare, poiché è improponibile che il ‘potere’ concorra a castrarsi”. Potrà per la Calabria non essere una verità?!”

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s